Servizi pubblici online: si accede con SPID e CIE

AGID_logo
Da oggi, 1° ottobre, come prevede il Decreto “semplificazione e innovazione digitale”, si potrà accedere ai servizi digitali con SPID e Carta d'Identità Elettronica

Condividi questo articolo

Tutti i servizi pubblici digitali sono da oggi accessibili con SPID, Carta d’Identità Elettronica (CIE) e Carta Nazionale dei Servizi (CNS) al posto delle credenziali proprietarie delle singole amministrazioni.

Il passaggio a SPID, CIE o CNS è stato avviato con la Legge 11 settembre 2020, n.120, che ha reso efficaci le disposizioni del decreto “Semplificazione e innovazione digitale”, avviando un percorso di transizione verso un’unica identità digitale semplice, veloce ed europea.

Sono esonerati i Comuni sotto i 5.000 abitanti, che potranno effettuare il passaggio all’identità digitale alla fine dell’emergenza pandemica, prevista per il 31 dicembre 2021.

SPID

Il Sistema Pubblico di Identità Digitale (SPID) è costituito da un’unica credenziale (username e password) che rappresenta l’identità digitale e personale di ogni cittadino e consente di accedere ai servizi della Pubblica amministrazione e dei privati aderenti.

Le identità SPID rilasciate sono ormai quasi 25 milioni – in crescita sostenuta e costante a partire dai primi mesi del 2020 – e per l’accesso ai servizi sono state utilizzate circa 360 milioni di volte nei primi 8 mesi dell’anno.

Approfondimenti

Articolo del Dipartimento trasformazione digitale

Sito sull’identità digitale

Sito istituzionale di SPID

Sezione di archivio

Piano Triennale per l’informatica

Il Piano Triennale per l’informatica nella Pubblica Amministrazione (Piano Triennale o Piano) è uno strumento essenziale per promuovere la trasformazione digitale del Paese e, in particolare, quella della Pubblica Amministrazione italiana, attraverso la declinazione della strategia in materia di digitalizzazione in indicazioni operative, quali obiettivi e risultati attesi, riconducibili all’azione amministrativa delle PA

Leggi tutto »

TAR Sicilia – Catania: divieto di accesso ai filmati della videosorveglianza

Il diritto di accesso garantito dalla legge sul procedimento amministrativo non può essere esercitato nei confronti delle immagini riprese da un impianto di videosorveglianza installato presso il parcheggio di un ospedale, atteso che l’istanza non ha ad oggetto un documento già esistente e nel possesso del soggetto intimato ma è finalizzata a promuovere la formazione di nuovi documenti destinati a contenere le informazioni richieste

Leggi tutto »