Sanzioni pecuniarie personali per il Cda dell’Ente nel caso di omessa adozione del Piano Anticorruzione

ANAC_logo

Condividi questo articolo

L’omessa adozione del Piano triennale di prevenzione della corruzione ha comportato per alcuni membri del Cda dell’Azienda territoriale per l’Edilizia di un importante Comune laziale un procedimento sanzionatorio da parte di Anac.

L’Autorità ha irrogato una sanzione pecuniaria complessiva pari a 5000 euro agli amministratori e responsabili dell’ente, sanzione che dovrà essere saldata personalmente dagli stessi amministratori.

L’indagine di verifica di Anac ha portato ad accertare la mancata pubblicazione annuale del Piano sul sito istituzionale, violando così l’obbligo di adozione, con relative inadempienze nella sezione Amministrazione Trasparente.

Il Piano triennale è stato approvato dal Cda dell’ente solo in data successiva all’avvio da parte di Anac del procedimento sanzionatorio, con un anno di ritardo rispetto alle scadenze di legge.

Di seguito il link al provvedimento: https://www.anticorruzione.it/documents/91439/121342/Delibera+n.+124+del+16+marzo+2022.pdf/1a1947e8-7dfa-27e0-3f4f-213feb35d92a?t=1647877524947

Sezione di archivio

Adozione delle linee guida sull’Indice nazionale dei domicili digitali delle persone fisiche, dei professionisti e degli altri enti di diritto privato non tenuti all’iscrizione in albi, elenchi o registri professionali o nel registro delle imprese

Sono state pubblicate sulla Gazzetta Ufficiale del 25 luglio le linee guida sull’Indice nazionale dei domicili digitali delle persone fisiche, dei professionisti e degli altri enti di diritto privato non tenuti all’iscrizione in albi, elenchi o registri professionali o nel registro delle imprese

Leggi tutto »