Sanzione ANAC a Sindaco, Giunta e RPCT per omessa adozione Piano di prevenzione della corruzione e trasparenza

ANAC_logo
L’Autorità Nazionale Anticorruzione ha sanzionato un comune per omessa adozione del Piano di prevenzione della corruzione e trasparenza, riconoscendo la responsabilità per la mancata adozione del PTPCT 2021-2023 nei confronti dei soggetti obbligati, da identificarsi nel RPCT, Sindaco, vice Sindaco e nei componenti della Giunta comunale.

Condividi questo articolo

L’attività di vigilanza sulle misure di prevenzione della corruzione attivata dal competente Ufficio dell’Autorità,
nei confronti del Comune di [omissis], ha portato ad accertare dopo verifica sul sito istituzionale in data 7 aprile
2022, la mancata pubblicazione del PTPCT relativo al triennio 2021-2023.

Dalla consultazione del sito istituzionale del Comune è risultata la pubblicazione del PTPCT relativo al triennio
2021-2023, nella sezione “Amministrazione trasparente – Altri contenuti- Prevenzione della Corruzione”,
adottato con deliberazione della Giunta comunale n. 38 del 26 aprile 2022.
I fatti così come emergono dalle risultanze istruttorie evidenziano una serie di omissioni rispetto agli
adempimenti di legge, che scandiscono le responsabilità a vario titolo del RPCT e dell’organo di indirizzo politico.

Quanto al Sindaco e alla Giunta, le risultanze istruttorie non hanno evidenziato sollecitazioni nei confronti del
responsabile per la prevenzione della corruzione affinchè predisponesse una proposta di PTPCT.

Palesi, dunque, le responsabilità dell’organo di indirizzo politico la cui negligenza, protratta nel tempo, sottolinea
la gravità della condotta serbata con inescusabile trascuratezza in forma di c.d. culpa in vigilando, delle
attribuzioni implicite nella funzione di controllo generalizzato sulle attività comunali prescritte dalla legge.
Si rappresenta che il PTPCT 2021-2023 è stato approvato dalla Giunta comunale in data 26 aprile 2022, in data
successiva, quindi, all’avvio del procedimento sanzionatorio (8 aprile 2022) e con oltre un anno di ritardo rispetto
alle scadenze di legge (31 marzo 2021 – comunicato del Presidente ANAC del 2.12.2020).
Pertanto, si evidenzia una noncuranza degli obblighi di legge di cui alla 190/2012 e delle scansioni temporali
degli adempimenti normativi.

Di seguito il LINK al provvedimento: https://www.anticorruzione.it/documents/91439/2733112/Delibera+n.+287+del+14+giugno+2022.pdf/1e641d0a-b924-cbf7-e9c0-fdcf8a0fb8ff?t=1655910346087

Sezione di archivio

Adozione delle linee guida sull’Indice nazionale dei domicili digitali delle persone fisiche, dei professionisti e degli altri enti di diritto privato non tenuti all’iscrizione in albi, elenchi o registri professionali o nel registro delle imprese

Sono state pubblicate sulla Gazzetta Ufficiale del 25 luglio le linee guida sull’Indice nazionale dei domicili digitali delle persone fisiche, dei professionisti e degli altri enti di diritto privato non tenuti all’iscrizione in albi, elenchi o registri professionali o nel registro delle imprese

Leggi tutto »