PEC: verso i servizi di recapito certificato qualificato

AGID_logo
AgID, insieme ai gestori PEC, ha condotto i test utili alla realizzazione di futuri servizi di recapito a norma Eidas

Condividi questo articolo

Il 30 maggio 2021 sono iniziati i Plugtests ETSI (European Telecommunications Standards Institute) relativi alla sperimentazione dei servizi REM di recapito certificato.

I Plugtests, che dovevano inizialmente terminare il 18 giugno 2021, sono stati prorogati fino al 16 luglio, per consentire a tutti i partecipanti di trarne maggior beneficio.

Protagonisti di questi Plugtests sono stati i Gestori PEC italiani e AGID che, sulla base del documento pubblicato a fine maggio 2021 dal Gruppo di Lavoro coordinato da AgID, hanno sottoposto i loro formati alla piattaforma resa disponibile da ETSI, dando un contributo rilevante per la definizione e il consolidamento di quelli che saranno gli standard ETSI a regime.

Di seguito si riportano i dati di partecipazione, che hanno visto accreditarsi alla piattaforma ETSI 40 soggetti appartenenti ai seguenti Paesi:

  • per l’Europa: Austria, Bulgaria, Francia, Germania, Grecia, Ungheria, Italia, Moldavia, Polonia, Regno Unito, Portogallo, Slovacchia, Slovenia, Spagna, Svezia;
  • per il resto del mondo: Colombia, Costa Rica, Giappone, Messico.

I servizi di recapito certificato qualificato a norma Eidas, con le piattaforme che saranno sviluppate dai vari provider, sostituiranno a breve la PEC. AgID sta mettendo in campo tutte le risorse necessarie per preparare la migrazione verso tali nuovi servizi.

Sezione di archivio

Piano Triennale per l’informatica

Il Piano Triennale per l’informatica nella Pubblica Amministrazione (Piano Triennale o Piano) è uno strumento essenziale per promuovere la trasformazione digitale del Paese e, in particolare, quella della Pubblica Amministrazione italiana, attraverso la declinazione della strategia in materia di digitalizzazione in indicazioni operative, quali obiettivi e risultati attesi, riconducibili all’azione amministrativa delle PA

Leggi tutto »

TAR Sicilia – Catania: divieto di accesso ai filmati della videosorveglianza

Il diritto di accesso garantito dalla legge sul procedimento amministrativo non può essere esercitato nei confronti delle immagini riprese da un impianto di videosorveglianza installato presso il parcheggio di un ospedale, atteso che l’istanza non ha ad oggetto un documento già esistente e nel possesso del soggetto intimato ma è finalizzata a promuovere la formazione di nuovi documenti destinati a contenere le informazioni richieste

Leggi tutto »