Ministero per gli Affari Interni e Territoriali: circolare sullo Svolgimento dei Consigli Comunali in videoconferenza

Via libera alle videoconferenze per gli enti locali ma solo se è adottato il regolamento

Condividi questo articolo

Il Dipartimento per gli affari interni e territoriali (DAIT) del Ministero dell’interno scrive ai Prefetti in ordine allo svolgimento dei Consigli comunali in videoconferenza ai sensi dell’art. 73, comma 1, del D.L. n. 18/2020 convertito dalla L. n. 27/2020 che, al fine di contrastare e contenere la diffusione del COVID-19 e fino alla data di cessazione dello stato di emergenza, ha disposto che i Consigli dei Comuni, delle Province e delle Città metropolitane e le Giunte, che non lo avessero già regolamentato, possono riunirsi in videoconferenza, nel rispetto di criteri di trasparenza e tracciabilità previamente fissati dal Presidente del Consiglio, ove previsto, o dal Sindaco, purché siano individuati sistemi che consentano di identificare con certezza i partecipanti, sia assicurata la regolarità dello svolgimento delle sedute e vengano garantiti lo svolgimento delle funzioni del segretario e adeguata pubblicità delle sedute, ove previsto, secondo le modalità individuate da ciascun ente.

Di seguito il link alla Circolare 33/2022: https://dait.interno.gov.it/documenti/circ-dait-033-autoloca-19-04-2022.pdf

Sezione di archivio

Piano Triennale per l’informatica

Il Piano Triennale per l’informatica nella Pubblica Amministrazione (Piano Triennale o Piano) è uno strumento essenziale per promuovere la trasformazione digitale del Paese e, in particolare, quella della Pubblica Amministrazione italiana, attraverso la declinazione della strategia in materia di digitalizzazione in indicazioni operative, quali obiettivi e risultati attesi, riconducibili all’azione amministrativa delle PA

Leggi tutto »

TAR Sicilia – Catania: divieto di accesso ai filmati della videosorveglianza

Il diritto di accesso garantito dalla legge sul procedimento amministrativo non può essere esercitato nei confronti delle immagini riprese da un impianto di videosorveglianza installato presso il parcheggio di un ospedale, atteso che l’istanza non ha ad oggetto un documento già esistente e nel possesso del soggetto intimato ma è finalizzata a promuovere la formazione di nuovi documenti destinati a contenere le informazioni richieste

Leggi tutto »