Garante privacy: no alla pubblicazione delle “graduatorie degli ammessi con riserva alla prova preselettiva e l’elenco degli ammessi e non ammessi alla successiva prova scritta”

GPDP_logo
Il Garante ha sanzionato un Comune che aveva proceduto alla pubblicazione nella Sezione Amministrazione trasparente

Condividi questo articolo

Con riguardo alla pubblicità degli esiti delle prove concorsuali il Garante rileva che le norme di settore stabiliscono, in generale, la pubblicità dei provvedimenti finali delle procedure selettive, disponendo, che siano pubblicate le sole graduatorie definitive dei vincitori di concorso e non anche l’elenco degli ammessi e non ammessi alla selezione o a prove intermedie (cfr. art. 7, d.P.R. 10 gennaio 1957, n. 3; nonché art. 15, d.P.R. 9 maggio 1994, n. 487, in particolare, commi 5, 6 e 6 bis e, più in generale, sulla pubblicità delle procedure di reclutamento del personale delle pubbliche amministrazioni, art. 35, comma 3, d. lgs. 30 marzo 2001, n. 165).

L’amministrazione deve, infatti, rispettare le normative di settore applicabili che regolano tempi e forme di pubblicità (es. affissione presso la sede dell’ente pubblico, pubblicazione nel bollettino dell’amministrazione o, per gli enti locali, all’albo pretorio) “degli esiti delle prove concorsuali e delle graduatorie finali – nonché, nei casi (e con le modalità) previsti, dei risultati di prove intermedie – di concorsi e selezioni pubbliche”, al solo scopo “di consentire agli interessati l’attivazione delle forme di tutela dei propri diritti e di controllo della legittimità delle procedure concorsuali o selettive” (sul punto, v. provvedimento del 15 maggio 2014 n. 243 doc. web n. 3134436 “Linee guida in materia di trattamento di dati personali, contenuti anche in atti e documenti amministrativi, effettuato per finalità di pubblicità e trasparenza sul web da soggetti pubblici e da altri enti obbligati”).

Inoltre l’art.19 del d.lgs. 14 marzo 2013, n. 33 prevede che, per finalità di trasparenza, “fermi restando gli altri obblighi di pubblicità legale, le pubbliche amministrazioni pubblicano […] le graduatorie finali, aggiornate con l’eventuale scorrimento degli idonei non vincitori”.

In tale quadro, conclude il Garante (cfr. provv. del 25 novembre 2021 n.407, doc web 9732406 nonché provv.ti 29 aprile 2021, n. 170, doc. web n. 9681778; 25 marzo 2021, n. 106, doc. web n. 9584421 e 11 marzo 2021, n. 89, doc. web n. 9581028), il d.lgs. 14 marzo 2013, n. 33 non costituisce un’idonea base giuridica per la diffusione online dei dati personali contenuti negli elenchi dei candidati ammessi o non ammessi alle prove selettive.

Di seguito il link all’Ordinanza ingiunzione del 28 aprile 2022 [Doc-Web n. 9778996]: https://www.garanteprivacy.it/web/guest/home/docweb/-/docweb-display/docweb/9778996

Sezione di archivio

Piano Triennale per l’informatica

Il Piano Triennale per l’informatica nella Pubblica Amministrazione (Piano Triennale o Piano) è uno strumento essenziale per promuovere la trasformazione digitale del Paese e, in particolare, quella della Pubblica Amministrazione italiana, attraverso la declinazione della strategia in materia di digitalizzazione in indicazioni operative, quali obiettivi e risultati attesi, riconducibili all’azione amministrativa delle PA

Leggi tutto »

TAR Sicilia – Catania: divieto di accesso ai filmati della videosorveglianza

Il diritto di accesso garantito dalla legge sul procedimento amministrativo non può essere esercitato nei confronti delle immagini riprese da un impianto di videosorveglianza installato presso il parcheggio di un ospedale, atteso che l’istanza non ha ad oggetto un documento già esistente e nel possesso del soggetto intimato ma è finalizzata a promuovere la formazione di nuovi documenti destinati a contenere le informazioni richieste

Leggi tutto »