EDPB adotta linee guida sulla certificazione come strumento per i trasferimenti verso Paesi terzi

Al via la consultazione pubblica sulla bozza di documento che si concluderà a settembre

Condividi questo articolo

L’EDPB ha adottato linee guida sulla certificazione come strumento per i trasferimenti.

L’Articolo 46(2)(f) del GDPR introduce meccanismi di certificazione approvati come nuovo strumento per trasferire dati personali verso paesi terzi in assenza di un accordo di adeguatezza.

Lo scopo principale di queste linee guida è fornire ulteriori chiarimenti sull’uso pratico di questo strumento di trasferimento.

Il vicepresidente dell’EDPB Ventsislav Karadjov ha dichiarato: “Queste linee guida sono rivoluzionarie, in quanto forniscono la prima guida pratica sulla certificazione come strumento per i trasferimenti, un nuovo strumento di trasferimento introdotto dal GDPR. Le linee guida forniscono indicazioni su come questo strumento può essere utilizzato nella pratica e su come può aiutare a mantenere un elevato livello di protezione dei dati durante il trasferimento di dati personali dallo Spazio economico europeo a paesi terzi“.

Le linee guida sono composte da quattro parti, ciascuna incentrata su aspetti specifici relativi alla certificazione come strumento per i trasferimenti, come lo scopo, l’ambito e i diversi attori coinvolti; attuazione di linee guida sui requisiti di accreditamento per gli organismi di certificazione; criteri di certificazione specifici al fine di dimostrare l’esistenza di adeguate tutele per i trasferimenti; e gli impegni vincolanti ed esecutivi da attuare.

Le linee guida integrano le linee guida 1/2018 che forniscono indicazioni più generali sulla certificazione.

Le linee guida saranno oggetto di consultazione pubblica fino alla fine di settembre.

Al momento il testo delle Linee guida non è ancora disponibile. Per maggiori informazioni, consultare la seguente pagina ufficiale: https://edpb.europa.eu/news/news/2022/edpb-adopts-guidelines-certification-tool-transfers-and-art-65-dispute-resolution_it

Sezione di archivio

Piano Triennale per l’informatica

Il Piano Triennale per l’informatica nella Pubblica Amministrazione (Piano Triennale o Piano) è uno strumento essenziale per promuovere la trasformazione digitale del Paese e, in particolare, quella della Pubblica Amministrazione italiana, attraverso la declinazione della strategia in materia di digitalizzazione in indicazioni operative, quali obiettivi e risultati attesi, riconducibili all’azione amministrativa delle PA

Leggi tutto »

TAR Sicilia – Catania: divieto di accesso ai filmati della videosorveglianza

Il diritto di accesso garantito dalla legge sul procedimento amministrativo non può essere esercitato nei confronti delle immagini riprese da un impianto di videosorveglianza installato presso il parcheggio di un ospedale, atteso che l’istanza non ha ad oggetto un documento già esistente e nel possesso del soggetto intimato ma è finalizzata a promuovere la formazione di nuovi documenti destinati a contenere le informazioni richieste

Leggi tutto »